Home » Itinerari » Sassi di Matera

Sassi di Matera

Cosa vedere ai Sassi?

Non tutti sanno che quelli che sono comunemente chiamati e conosciuti come Sassi di Matera non sono altro che il centro storico dell’omonimo comune della Basilicata.
Entrati a far parte del patrimonio UNESCO nel 1993, i Sassi sono stati definiti un vero e proprio paesaggio culturale.
L’espressione Sassi indica due grandi quartieri che insieme alla “Civita” e al “Piano” costituiscono il centro cittadino e per questo motivo si usa parlarne al plurale.
Il “Sasso Barisano” guarda verso nord-ovest e in esso sono custoditi innumerevoli fregi e portali scolpiti.
Il “Sasso Caveato” è probabilmente così chiamato perché ricorda quell’area dei teatri, appunto, denominata Cavea con le grotte-case che hanno la tipica e nota disposizione a gradoni.
Se ti trovi in vacanza in Basilicata, o nelle vicinanze un giro ai Sassi è d’obbligo visto che si tratta a tutti gli effetti di un luogo incantato che lascia la sensazione di essere fuori dal mondo e di vivere in un’altra epoca.
Questa terra ha conquistato molti registi tanto che ha prestato lo sfondo a “La passione di Cristo” di Mel Gibson, oltre a tante altre pellicole nazionali e internazionali: i Il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini, Cristo si è fermato a Eboli di Francesco Rosi, Ben-Hur di Timur Bekmambetov sono solo alcune delle più celebri pellicole girate all’interno del suggestivo scenario dei Sassi.

Iniziamo il giro! Itinerario di un giorno: mattina

La città non è grande e può essere visitata anche nel solo arco di una giornata.
Iniziamo il giro da “Casa Grotta” qui ci caliamo immediatamente nell’atmosfera di una tipica casa contadina anni ’50.
Il fascino di Casa Grotta è alimentato anche dal fatto che al suo interno sono ancora conservati i mobili tipici dell’epoca quindi basterà stare ad occhi aperti e guardare i dettagli che vi circondano per immaginare uno stralcio di giornata di chi ha abitato in quella dimora.
Usciti dalla Casa Grotta ci dirigiamo verso le “chiese rupestri”. Esse sono numerose e dislocate per tutta la città quindi per farsi un’idea sarà sufficiente vederne un paio tra quelle più vicine al luogo appena lasciato.
Queste chiese vennero scavate durante l’alto medioevo nella roccia – composta prevalentemente da tufo – dai monaci e frequentemente al loro interno sono ospitate e custodite delle cripte.
Proseguendo col nostro itinerario giornaliero non si possono non menzionare le meraviglie custodite nel sottosuolo della città, motivo per cui è caldamente consigliata la visita di “Matera sotterranea“.
Al suo interno è stato scoperto “il Palombaro” un sistema sotterraneo destinato alla raccolta di acqua piovana, simile ad una moderna cisterna. Nelle vicinanze della cisterna si trovano delle aree e delle stanze piuttosto antiche.
Per comprenderne valore e significato potrete scegliere di farvi accompagnare nella visita da una guida che con la sua esperienza saprà spiegarvi il significato di ciò che vi circonda, arricchendo la vostra visita!

Pausa pranzo: Se lo stomaco brontola

Prima di procedere forse è il caso di una pausa sia per riposarsi dalla stanchezza sia per deliziare il palato con qualche prelibatezza tipica del luogo. In fondo non potrete dire di apprezzare e conoscere davvero un posto se non vi siete presi il tempo di assaggiare qualche piatto della tradizione.
La cittadina pullula di locali tipici come ristoranti o trattorie dove si possono degustare piatti locali come ad esempio: “pasta con i broccoli, cardi cacio e ‘ov (uovo)”, la tradizionale zuppa di legumi detta “crapiata”, le orecchiette alla materana,il tipico pane materano cotto con le rape e altre delizie tipiche del posto

Proseguiamo alla scoperta di Matera: pomeriggio. zaino in spalla e si va!

Dedichiamo il resto della giornata alla visita dell’attrazione principale i “Sassi di Matera” questo intricato insieme di case, viottoli, chiese e caverne che hanno ospitato e dato i natali a persone sin dall’era del Neolitico.
Un’importante avvertenza prima di avventurarsi alla scoperta di questo suggestivo scenario: scarpe comode e acqua sono i due alleati fondamentali soprattutto se decidi di visitare la città nel pieno della stagione estiva!
Per il resto, siamo consapevoli di avervi dato poche e stringate informazioni ma è anche nostra precisa intenzione limitarci a farvi venire l’acquolina in bocca: la magia unica dei Sassi si scopre principalmente vivendola!
A Matera è ospitato anche un castello fatto edificare nel 1500 dal conte di Matera e mai finito perché egli fu assassinato durante il corso di una rivolta popolare. A questo punto ci dirigiamo alla visita della cattedrale della città situata nel punto più alto e risalente al XII secolo: perfetto esempio dello stile romanico.
Custoditi al suo interno un affresco bizantino e le spoglie di Giovanni a Matera.
A questo punto il nostro viaggio è finito.

Dove dormire: Chi cerca trova!

Se la sera siete troppo stanchi per ripartire o se semplicemente avete deciso di trascorrere in questo splendido luogo qualche altro giorno non avrete problemi a trovare un luogo accogliente dove pernottare.

Vi basterà cercare su internet per trovare tutte le informazioni che desiderate

I Sassi sono pronti ad ospitarvi e farvi vivere un viaggio attraverso il passato!

Potrebbero Interessarti:

Send this to a friend